per info: +39 011 92 35 778

Plastica e bioplastica: dove vanno quando le gettiamo via?

pgplast plastica e bioplastica

Plastica e bioplastica: dove vanno quando le gettiamo via?

La plastica, nel corso degli ultimi decenni, è diventata uno dei materiali più diffusi e utilizzati al mondo. Viene impiegata, infatti, per la realizzazione di innumerevoli oggetti e contenitori, soprattutto per il trasporto e la conservazione del cibo.

Alla plastica tradizionale, da qualche tempo, si affianca la bioplastica, che viene utilizzata  per la realizzazione di sacchetti per la spesa (poi utilizzati per la raccolta dell’umido), reti per la frutta, stoviglie e coppette da gelato.

Le vie della plastica

Riconoscere la tipologia di plastica che stiamo utilizzando è fondamentale: la plastica “tradizionale” – quella costituita da polimeri – se correttamente smaltita, viene riciclata e impiegata per la realizzazione di nuova materia prima seconda che servirà per la realizzazione di nuovi oggetti. Le proprietà della plastica riciclata sono molto simili a quelle della plastica originaria. Quella che non può essere riciclata, invece, viene impiegata per la realizzazione di combustibili alternativi.

La bioplastica, certificata secondo le norme europee EN 13432 ed EN 14995, invece, viene considerata rifiuto organico. Le sue proprietà, infatti, la rendono biodegradabile e compostabile. Se smaltita insieme all’umido, viene riciclata come compost da utilizzare per fertilizzare il terreno.

Un inizio comune

Dunque due filiere per il riciclaggio diversissime, ma con un inizio comune: l’impegno di ogni singolo cittadino. Tutti siamo tenuti a rispettare la differenziazione dei rifiuti per destinarli correttamente ed evitare gli sprechi che minano le risorse del nostro pianeta.

L’economia circolare

Il riciclaggio infatti si inserisce in quella che viene chiamata economia lineare, tramutandola in economia circolare. L’economia lineare è una retta che idealmente ricostruisce la storia di ogni singolo prodotto, dalla scelta delle materie prime fino al suo scarto come rifiuto, passando per progettazione, realizzazione, distribuzione e utilizzo. Il riciclaggio si inserisce in questa linea cambiando le sorti degli oggetti, dando loro una seconda possibilità d’impiego dopo l’utilizzo, riportandoli alla condizione di materia prima “seconda”.

Un progetto innovativo

Dal riciclaggio, inoltre, si ottengono prodotti di altissima qualità: ce lo racconta anche la piattaforma del progetto “Dicheplastica6”, promosso da Assobioplastiche, Conai, Corepla e CIC, che mira a favorire la corretta gestione degli imballaggi in plastica biodegradabile. Un’iniziativa nata per informare e sensibilizzare, dove trovare tutte le informazioni sul variegato mondo della plastica e della bioplastica.



Questo sito utilizza cookies tecnici propri e di terze parti per ottimizzare i servizi forniti e l'esperienza degli utenti, senza alcun fine pubblicitario; continuando la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookies. Per maggiori informazioni su come disabilitare i cookies, cliccare su "No, vorrei maggiori informazioni".
In caso contrario, cliccare su "OK" per accettare l'utilizzo dei cookies ed eliminare questo banner. Si precisa che, disabilitando i cookies, non sono garantite tutte le funzionalità. No, vorrei maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi